Rapina impropria l’accusa mossa a una 20enne arrestato dai carabinieri della sezione radiomobile della Compagnia di Reggio Emilia

Reggio Emilia Furto, a cura di Vanni Zagnoli

Fermata all’uscita di un negozio d’abbigliamento della centralissima Piazza del Monte a Reggio e scoperta ladra, per riuscire a fuggire non ha esitato dapprima a colpire con un calcio e un pugno una dipendente del negozio per poi guadagnare la fuga passando da un uscita di emergenza. Inseguita da altro dipendente è stata raggiunta e fermata in via Sessi di Reggio Emilia dove è stata presa in consegna da una pattuglia dei carabinieri della sezione radiomobile della compagnia di Reggio Emilia intervenuta su input dell’operatore in servizio al 112 allertata dal responsabile del negozio.

Per questi motivi con l’accusa di rapina impropria i carabinieri della sezione radiomobile della compagnia di Reggio-Emilia hanno arrestato una 20enne residente a Reggio Emilia, ristretta al termine delle formalità di rito a disposizione della Procura reggiana. Il procedimento, in fase di indagini preliminari, proseguirà per i consueti approfondimenti investigativi al fine di consentire al Giudice di verificare l’eventuale piena responsabilità dell’indagata. La refurtiva costituita da capi d’abbigliamento (maglieria e intimo) e accessori di bigiotteria per un totale di circa 180 euro è stata recuperata e restituita al negozio. La dipendente colpita dalla ragazza, ricorsa alle cure mediche ha riportata una prognosi di tre giorni per le lesioni riportate.

E’ accaduto ieri pomeriggio intorno alle 14,00 allorquando la 20enne, che si trovava all’interno del negozio H & M di Reggio Emilia, mentre usciva dal negozio veniva invitata a fermarsi dall’addetta alla sicurezza in quanto era stata notata staccare i cartellini dai capi d’0abbigliamenot che poi riponeva all’interno della sua borsa. Dopo un’iniziale apparente collaborazione la fermata sferrava un calcio e un pugno all’addetto alla sicurezza guadagnando la fuga. Inseguita da altro dipendente veniva raggiunta e fermata in via Sessi dove poi veniva presa in consegna dai carabinieri nel frattempo giunti. Alla luce dei fatti la 20enne veniva arrestata.