Sport in breve – Basket, la Turchia protagonista dal 2015, Allegri e Spalletti in parallelo, ritornano dopo due anni

0
lunedì 31 maggio 2021

di Vanni Zagnoli

Basket, due Eurolega delle ultime 4 sono della Turchia, l’Efes dopo il Fenerbahce: da 5 stagioni una delle due è sempre stata finalista, mentre sino al 2015 nessuna squadra ottomana era mai stata neanche in semifinale.
Ergin Ataman aveva allenato Siena 20 anni fa, per due stagioni, autografando la prima final4 europea per la Mens e anche la prima semifinale scudetto, aveva soltanto 35 anni. Poi venne esonerato dalla Fortitudo Bologna, dopo 16 gare, metà vinte. E’ uno dei tanti tecnici che lo sport italiano aveva adocchiato ma ha bruciato troppo in fretta.
  • Roma-Milan, il backstage, il videoracconto della festa giallorossa. Il primo trofeo romanista al femminile può contribuire alla diffusione di questo sport.
  • Maurizio Arrivabene alla Juve come ad è esilarante, come notizia. Va sulle orme di Luca Cordero di Montezemolo, era uno sconosciuto, prima di arrivare alla Ferrari, ma sa qualcosa, di calcio?
  • Finalmente l’Italia dell’atletica, con il record di vittorie e di podi in coppa Europa. La speranza è di vedere tanti azzurri almeno in semifinale, alle olimpiadi, in tante discipline.
  • Tiro a segno, una 18enne romagnola, Sofia Ceccarello, va alle olimpiadi, da campionessa europa nella carabina 3 posizioni.

Atletica, la super Italia in coppa Europa, seconda a due punti e mezzo dall’oro, dalla Polonia. Senza l’infortunio di Gianmarco Tamberi (bastava sostituirlo) avremmo probabilmente vinto. Otto i successi nella due giorni, sorprendono Nadia Battocletti sui 5mila e soprattutto Gaia Sabattini sui 1500, anche Desalu, sui 200. Si deve continuare con Antonio La Torre, il ct ex marcia che non piace al nuovo presidente federale Stefano Mei.

  • Pallanuoto femminile, Catania vince a Padova di un gol, siamo 1-1 ma ora l’Ekipe di Martina Miceli può chiudere, a Catania. Sfida molto fisica, oggi.
  • Ho sentito in lungo Arnaldo Antonelli, sulle morti di serie B. Eventualmente anche a firma sua, direi. E poi potrei arrivare alla vedova di Doriano Romboni, morto nel 2013. Naturalmente, Paolo Simoncelli.
  • Pugilato, Loris Stecca da campione del mondo al fare le pulizie. Era stato anche parcheggiatore, nel ’97, aveva minacciato il suicidio. Pochi anni fa aveva accoltellato la socia della sua palestra, a Rimini.
  • Ciclismo. Il secondo colombiano, il terzo sudamericano, nella storia del Giro, Egan Bernal. Un siciliano secondo, Damiano Caruso, inatteso, esploso a 33 anni, siciliano come Nibali. Il sud e gli sportivi.
Thomas Tuchel è la faccia sempre vincente della Germania, finalista un anno fa con il Psg, al successo adesso, senza rigori, a differenza di Roberto Di Matteo, un decennio fa. I limiti di Guardiola, nelle sfide più delicate, in Europa, dopo Barcellona fallisce regolarmente, ieri sera nel secondo tempo ha prodotto quasi nulla. Rudiger dalla Roma al tetto d’Europa, come Jorginho (ex Napoli) e Kovacic (ex Inter) aveva già vinto l’Europa league.
Allegri e Spalletti in parallelo, ritornano dopo due anni
  • La super Milano dell’anno: Inter prima, Milan secondo, l’Olimpia oggi per il terzo posto in Eurolega, vincitrice di supercoppa e coppa Italia, il primo trofeo nel volley, nella terza coppa, la Challenge.
  • L’under 21, il quarto di finale con il Portogallo, sfida sempre complicata, può essere la chiave Maleh, formidabile, con il Venezia, in serie B.
  • Maurizio Sarri alla Lazio, a 62 anni può dimostrare di essere un vero, grande allenatore, anche se non vincerà lo scudetto.