PNRR, nuovo finanziamento: via libera a oltre 4,3 milioni di euro per potenziare i servizi per famiglie in difficoltà, anziani e disabili

SINDACO: “AD OGGI CIRCA 60 MILIONI DI EURO COMPLESSIVAMENTE INTERCETTATI”

COLETTI: “RISULTATO PREMIA LA QUALITÀ DELLE CANDIDATURE E IL LAVORO DI SQUADRA”. CINQUE PROGETTI AMMESSI. ORA LA FASE ATTUATIVA. VOLONTARIATO PARTNER

 

 

Ferrara, 11 mag – Via libera a un nuovo finanziamento Pnrr nell’ambito delle politiche sociali.
Il Comune di Ferrara si è infatti aggiudicato le risorse della missione 5 (“Inclusione e coesione”) intercettando i fondi per finanziare cinque progetti legati a: sostegno alle famiglie in difficoltà, accoglienza delle persone senza fissa dimora, acquisto di dispositivi di supporto per anziani e persone con disabilità, sostegno agli operatori sociali. Nel complesso l’importo finanziato è di 4.306.500. Si tratta quindi di circa il 90 per cento delle risorse complessive candidate (che ammontavano a 4.636.500) per 5 progetti su 6 ammessi a finanziamento (la sesta progettualità, relativa ai servizi domiciliari, è stata inserita comunque tra quelle ‘idonee’ e potrà quindi essere finanziata da altre linee di investimento). “Un nuovo risultato che porta il bilancio dei fondi Pnrr intercettati a circa 60 milioni di euro. A tanto, infatti, ammontano le risorse dei progetti candidati ammesse a finanziamento. Sono fondi preziosi per il territorio, che pongono le basi del rilancio senza lasciare indietro nessuno. Come dimostra quest’ultimo risultato, è infatti puntuale e particolarmente significativa l’attenzione all’ambito del sociale e, nello specifico, ai servizi rivolti alle fragilità”, dice il sindaco Alan Fabbri.

“Questo risultato premia la qualità progettuale e il lavoro di squadra”, dice l’assessore Cristina Coletti che ha lavorato alle candidature. Coletti sottolinea che “le importanti risorse in arrivo consentiranno il potenziamento di azioni di supporto alla domiciliarità per anziani e persone con disabilità, di sostegno alla genitorialità, di aiuto a chi è senza fissa dimora. Sono inoltre previste specifiche iniziative per la formazione continua degli operatori socio-sanitari”.
Ora si apre la fase attuativa. Il Comune procederà con una selezione pubblica per individuare i partner del Terzo settore con cui realizzare “progetti innovativi e di qualità”.
A tal fine domani la giunta approverà le linee guida dell’avviso di coprogettazione.

Nell’attuazione delle linee finanziate il Comune collaborerà con il Centro di Servizi per il Volontariato (CSV) Terre Estensi – con cui è stata definita un’apposita convenzione per il supporto alla redazione dei progetti. “Il volontariato è fondamentale e ringrazio il CSV per aver aderito con grande disponibilità alla proposta di collaborazione”, dice Coletti. Intanto prosegue il progetto relativo all’edilizia residenziale – che conta sull’apporto di Acer, con cui è stata sottoscritta una apposita convenzione – e riguarda la riqualificazione di 48 alloggi per ulteriori 5,2 milioni di euro (si tratta di quelli presenti in via Bologna 790 e via Verga, ai civici 62, 64, 66, 72).