-tommaso-maggioni-
-tommaso-maggioni-

 

  • dal sito Modena FC

Una partita d’oro per l’attaccante Mattia Minesso: “Sono contento dei gol ma avrei preferito festeggiare col passaggio del turno – dice Mattia- abbiamo commesso errori ingenui e sappiamo che i rigori sono una lotteria e stavolta hanno girato male a noi”.

Mattia parla del match: “Dovevamo gestire meglio il pallone, in particolare alcune ripartenze. Siamo stati puniti perché il Piacenza crossava molto e quando subisci molte palle alte ci sta che vieni punito. Su queste cose dobbiamo crescere, era una partita di Coppa,  ma comunque ci deve servire  per i prossimi impegni di campionato”.

 Il Modena stava per chiuderla nei tempi regolamentari: “Dopo il 4-3 forse si pensava di averla portata a casa invece ci sono state ulteriori piccole disattenzioni che ci sono costate a caro prezzo”.

L’attaccante domenica a Siena sarà fuori per squalifica: “Mi dispiace non esserci, è stata una mia grossa ingenuità. Ho grande fiducia nei compagni che andranno a Siena, ci sono tante assenze, ma chi scenderà in campo farà del proprio meglio”.

Maggioni: “Ho dato tutto”

Una partita da titolare e il cambio a match in corso per il difensore Tommaso Maggioni: “Personalmente quando il mister mi ha cambiato – spiega Tommy – è perché avevo dato tutto, sentivo un po’ di fatica dopo un periodo in cui non avevo giocato. Cerco comunque di dare sempre il 100% quando il mister mi dà fiducia”.

Il difensore gialloblù analizza la sfida appena persa ai calci di rigore con il Piacenza: “Sapevamo che uno dei loro punti di forza erano i cross e gli inserimenti in area di rigore, non so come sia successo ma ci sono stati degli errori, potevamo gestire meglio la palla ed evitare così le loro ripartenze sempre pericolose”.

La testa è già rivolta alla sfida di domenica allo stadio Artemio Franchi: “Siena è un campo insidioso, loro sono una squadra importante, domani e  nei prossimi giorni analizzeremo tutti i dettagli per prepararci al meglio alla sfida di domenica che cercheremo di affrontare a testa alta come sempre”.