Giovedì 2 dicembre, alle 18, nella sala Oratorio per la mostra “Rompete le righe! Il genere come stereotipo” a cura dell’Archivio storico. Ingresso libero con Green pass

Nuovo appuntamento nell’ambito della mostra “Rompete le righe! Il genere come stereotipo”: giovedì 2 dicembre, alle 18, nella sala Oratorio di Palazzo dei Musei (in largo Sant’Agostino), è in programma la presentazione del libro “Queer. Storia culturale della comunità Lgbt+” con la partecipazione dell’autrice Maya De Leo, storica e docente di Storia dell’omosessualità all’Università di Torino, e di Judith Pinnock, psicologa ed esperta di linguaggi e comunicazione di genere. Il volume, edito da Einaudi, è la prima storia completa della identità Lgbt+ in Occidente dal 1700 a oggi, ricostruita intrecciando una varietà di fonti, dalle memorie alla letteratura, dalla trattatistica alla cronaca.

L’ingresso alla presentazione, che fa parte del ciclo di incontri collegato alla mostra e intitolato “Libertà è un *”, è libero, fino a esaurimento posti, con necessità di esibire il Green pass. Per informazioni si può telefonare (al numero 059 203 3450) o scrivere all’Archivio storico (archivio.storico@comune.modena.it).

In occasione della presentazione è prevista anche un’apertura straordinaria, dalle 14.30 alle 17.30, della mostra documentale “Rompete le righe!” allestita negli spazi dell’Archivio storico: l’esposizione esplora gli ambiti della vita quotidiana nei quali si sono maggiormente consolidati gli stereotipi di genere e i ruoli attraverso una ricca raccolta di testi, libri, articoli e pubblicità. La mostra sarà visitabile fino al 7 gennaio nei consueti orari di apertura dell’Archivio storico, dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13.