Maria Chiara Petrone                                    consulting press offices tv & show management and company.

Maria Chiara Petrone è l’autrice del libro “My name is Maria Chiara Petrone”. Il libro racconta la sua storia come un imprenditrice di tendenza che ha cominciato senza soldi e senza appoggi e grazie alla sua grinta e perseveranza è riuscita ad emergere. Siamo convinti che seguirla può essere un buon monito per i giovani;trovare lo stimolo, la determinazione per andare avanti, crescere, crederci per crearsi un’avvenire, per non abbattersi davanti al primo ostacolo ed essere un giovane al passo d’oggi. C’è sempre nella vita un’opportunità da prendere al volo. Cominciamo da oggi a pubblicare a puntate la storia di Maria Chiara Petrone, a intervalli settimanali.

                Buona lettura!

                                                     Prima Parte:

My name is Maria Chiara Petrone, questo sarà il titolo del mio prossimo libro autobiografico. Forse, per molti potrà risultare banale o scontato, per me invece      ha un gran significato. 

La mia storia è ricca di errori, situazioni scottanti e non, spunti e iperbole.                Ma è la mia storia ed in quanto tale  è unica. 
Mi considero una normale ragazza di 28 anni che negli anni è riuscita con la sua grinta e determinazione e soprattutto ambizione a portare a casa diversi traguardi importanti. Ciò che vi racconterò è tutto reale e non è frutto dell’immaginazione collettiva. 
Finiti gli studi di comunicazione e marketing a Roma, mi sono da subito sentita attratta dal mondo dello spettacolo e del cinema, un mondo ideale, fatto di sogni      e incantesimi, un mondo dove poter vivere senza sentire il peso della mediocrità esistenziale.
Ebbene sì, mi ci sono buttata a capofitto, avevo 20/21 anni ed ero folle, folle ma determinata. Sono entrata in contatto con diverse  personalità di rilievo tra cui:  Renzo Arbore, Vittorio Sgarbi, Micheal Margotta (preparatore e coach di diverse      star di Hollywood tra cui: Jack Nicholson). 
Questo mi ha permesso di capire l’importanza di esistere e di non sopravvivere al mondo, di vivere le emozioni nella loro totalità e di fare delle emozioni un vero è proprio lavoro. Siamo agli inizi della mia carriera artistica e di donna.
Ero come un bocciolo acerbo, un bimbo ancora in fasce, ma già pronto per esplorare e crescere. Continuate a leggermi…. 
Roma, Office Stampa
MARIA CHIARA PETRONE
petrone.mcpcomunicazioni@pec.it
MARTEDI, Seconda Parte: