FERRARA-NUOVA CASA DELLO SPORT, INVESTIMENTO DI OLTRE 300MILA EURO

0

FERRARA, SPORT

 

 

NUOVA CASA DELLO SPORT, INVESTIMENTO DI OLTRE 300MILA EURO

SOPRALLUOGO ASSESSORE. PROTOCOLLO CON SOCIETÀ PER USO PALESTRE EXTRASCOLASTICO. OLTRE 300 DOMANDE PER VOUCHER. “IN ATTESA DECISIONI NAZIONALI, MA ATTIVITÀ NON SIA PENALIZZATA”

 

Ferrara, Inaugurata ieri la nuova casa dello sport del Comune di Ferrara. Gli uffici si spostano da via Copparo 142 (dentro lo stabile in uso alla Spal) alla palazzina di via Bologna 49, già sede della Circoscrizione 4.

“L’investimento comunale è stato di oltre 300mila euro, siamo molto soddisfatti, ora a disposizione di cittadini e dipendenti c’è una sede nuova e ristrutturata”, ha detto l’assessore Andrea Maggi, questa mattina al taglio del nastro. I nuovi spazi (i lavori sono iniziati l’8 giugno) contano, al primo piano, gli uffici impianti, palestre, un archivio, una sala riunioni che sarà adibita anche a ufficio caccia e per la distribuzione dei tesserini. Al primo piano trovano sede l’ufficio tecnico, quelli impianti e manifestazioni e quello del responsabile, Fausto Molinari.

Quella di oggi è stata anche l’occasione per annunciare il raggiunto accordo per l’attività extrascolastica nelle palestre di proprietà o gestione del Comune: “Ringrazio i dirigenti scolastici e le società sportive – ha detto Maggi – per il grande spirito collaborativo che hanno dimostrato. Firmando un protocollo da noi redatto si impegneranno a rispettare tutte le misure previste per effettuare la pratica in sicurezza, tra igienizzazione, presenze, orari. È stato un lavoro lungo e ci siamo impegnati al massimo per raggiungere questo risultato, che altri Comuni non sono riusciti ad ottenere”. Le palestre coinvolte sono 40, che si aggiungono alle altre strutture del Comune: 25 campi da calcio, 3 piscine, un palasport, il palazzo delle palestre, 3 bocciodromi, campi da tennis. Un movimento complessivo – ha detto Molinari – che va dai 15 ai 18mila accessi ogni giorno.

Altra novità emersa oggi: le 300 domande ricevute per contributi e voucher. Si tratta in larga parte di richieste di accesso ai contributi a fondo perduto – per complessivi 170mila euro – messi a disposizione dal Comune, con fondi regionali, nella fase post-lockdown per i progetti delle società legati alla ripartenza. “Lo sport ha una straordinaria importanza sociale, economica, legata a salute, benessere, prevenzione – ha detto Maggi – . Per questo speriamo di poter continuare a dare ai nostri ragazzi la possibilità di praticarlo, in piena sicurezza. Purtroppo il momento, a livello nazionale, è di profonda incertezza. Siamo in attesa di capire l’evolversi della situazione e le decisioni che saranno prese a livello centrale, augurandoci che non venga sacrificato un settore così importante”.