mercoledì 20 ottobre 2021

 

 

di Antonio Gaspari
Direttore Orbisphera
«La promozione dell’ozono per il miglioramento della vita umana è il nostro motto». 
È quanto sostenuto dal Bisleri Charitable Trust che, a sua volta, promuove l’Ozone Forum of India (OFI), un’associazione di medici che insegna, pratica e diffonde l’ozonoterapia come parte della medicina complementare economicamente integrata.
L’ozonoterapia è praticata dall’OFI per curare diverse patologie, fra cui la tubercolosi, alcune forme di cancro, la terapia del dolore, il Covid e il post Covid.
Per curare i pazienti colpiti dal Covid e dalla tubercolosi l’ozonoterapia è stata utilizzata con successo anche negli ospedali: Shewri Government Hospital for Tuberculosis, LG Hospital di Ahmedabad, Sion Hospital di Mumbai.
Più di 2.000 medici sono stati preparati e avviati all’uso dell’ozonoterapia nell’ambito di 83 programmi di formazione organizzati dall’OFI.
I progetti dell’OFI e della Bisleri Charitable Trust sono sostenuti dalla Bisleri International Pvt Ltd (https://www.bisleri.com), la più grande società indiana per la produzione e distribuzione di acque minerali.
La Bisleri International Pvt Ltd, che tratta tutte le sue acque minerali con ozono, copre più del 65% del mercato delle bevande in India, dispone di 122 impianti di produzione, 4.500 centri di distribuzione e 5.000 automezzi pesanti (camion e Tir) per far arrivare l’acqua minerale in ogni zona dell’India.
Per meglio conoscere la pratica, gli sviluppi della ricerca e i risultati clinici nell’utilizzo dell’ozonoterapia, “Orbisphera” ha intervistato la dottoressa Mili Shan, Presidente dell’Ozone Forum of India.
Come e quando ha conosciuto l’ozonoterapia?
Nel 2005 sono entrata in contatto con l’Ozone Forum of India, che promuoveva l’utilizzo dell’ozonoterapia. Ho frequentato i corsi di ozonoterapia con insegnanti esperti proveniente da India, Cuba, Russia, Germania e Stati Uniti.
L’Ozone Forum of India (OFI) è parte integrante del Bisleri Charitable Trust ed ha iniziato a promuovere l’ozonoterapia già nel 2002. I primi anni sono stati spesi nella raccolta di documenti, pratica clinica e lavori scientifici provenienti dai diversi Paesi in cui l’ozonoterapia era utilizzata.
L’OFI ha iniziato ufficialmente la propria attività nel 2005, con l’obiettivo di organizzare workshop strutturati ed altre iniziative pubbliche per diffondere, e mettere a disposizione di tutti, questa terapia facile da praticare e molto economica.
Inoltre l’OFI è partner del Ministero di AYUSH e del National Institute of Naturopathy (Istituto Nazionale di Naturopatia) per il corso di certificazione sull’ozonoterapia.
Dal punto di vista specialistico, l’OFI ha utilizzato l’ozonoterapia per curare la tubercolosi, l’oncologia integrata e la terapia del dolore. E ha pubblicato diversi lavori di ricerca sull’ozonoterapia, utilizzata nella cura di numerose patologie.
Nel corso della pandemia, l’OFI ha avviato due studi sull’ozono come terapia di supporto nella cura del Sars-CoV-2, registrati dal Clinical Trial Research India (CTRI).
Gli studi in oggetto sono stati registrati anche dal National Institute of Medical Statistics.
Recentemente l’OFI, insieme al National Institute of Naturopathy, ha presentato studi di fase 3 al Comitato interdisciplinare del dipartimento del Ministero di AYUSH per utilizzare ampiamente l’ozonoterapia nella cura del Covid-19.
Cosa l’ha convinta a praticare l’ozonoterapia?
Ho subito preso in simpatia questa terapia a base di ossigeno e ozono in quanto non ha effetti collaterali ed è praticata e studiata in diversi Paesi del mondo.
Negli ultimi 18 mesi lei e l’Ozone Forum of India avete utilizzato l’ozonoterapia per prevenire e curare i pazienti affetti da Covid-19. Potete fornirci i risultati delle sperimentazioni cliniche effettuate sui dipendenti Bisleri e negli ospedali dove avete curato pazienti Covid con l’ozonoterapia?
Abbiamo utilizzato l’ossigeno ozono terapia durante il lockdown per migliorare l’immunità e il benessere dei dipendenti della Bisleri International Pvt Ltd.
Con questo trattamento, non solo abbiamo ridotto il rischio di contrarre l’infezione, ma abbiamo rafforzato la loro immunità. Dopo il trattamento con ossigeno ozono terapia, solo 7 dipendenti su 320 hanno contratto il virus in forma lieve e asintomatica. Questo dimostra che, se le persone vengono trattate con l’ozonoterapia, la percentuale di coloro che contraggono l’infezione è solo del 2%.
Abbiamo utilizzato l’ozonoterapia per curare i malati di Covid negli ospedali pubblici e privati. A metà del 2020 abbiamo condotto due lavori, registrati dal Clinical Trial Registry of India (CTRI) e pubblicati nel “Journal of Immuno Pharmacology”, in cui abbiamo utilizzato l’ozonoterapia come strumento per contrastare il Covid-19.
Secondo questi lavori, l’ozonoterapia ha dimostrato una capacità di curare i pazienti colpiti dal Covid con una efficacia del 77% entro 5 giorni di cura, e del 100% per i pazienti curati con ossigeno ozono terapia per 8 giorni.
L’ossigeno ozono terapia si rivela molto efficace perché va a curare i disturbi circolatori che portano a coagulazione o trombosi, mal di testa, infezioni polmonari, dolore corporeo e situazioni di mancanza di respiro. Che sono i sintomi tipici dei malati di Covid.
A Mumbai e a Pune abbiamo curato con successo più di 700 pazienti malati di Covid.
Quanto è compresa e praticata l’ozonoterapia in India?
Grazie anche alle nostre iniziative, l’ozonoterapia ha fatto molta strada ed è passata da terapia sconosciuta a terapia complementare accettata anche dagli ospedali pubblici. La conoscenza dei benefici dell’ozonoterapia si è largamente diffusa grazie anche alle testimonianze dei pazienti che sono guariti.
Ora stiamo cercando di ampliare il consenso mettendo a disposizione di tutti i risultati delle cure con ozono. Lo stiamo facendo pubblicando interviste, storie, studi: sui mass media, in rete e sui social.
L’Ozone Forum of India svolge corsi di formazione per conoscere e praticare l’ozonoterapia. Ci può dare un’idea di quanti ozonoterapeuti hanno frequentato i suoi corsi e quali sono i Paesi dove si pratica l’ozonoterapia?
Abbiamo formato più di 1.900 medici in tutta l’India, ed altri 750 medici provenienti da Emirati Arabi Uniti, Malesia, Indonesia, Bangladesh, Srilanka, ecc.
Avete comunicato al Ministero della Salute e all’Organizzazione Mondiale della Sanità i risultati dei vostri studi e delle pratiche mediche in materia di ozonoterapia?
Abbiamo comunicato i risultati dell’ozonoterapia al nostro Governo e abbiamo presentato domanda per la sperimentazione dell’ozonoterapia su vasta scala. Nel frattempo, molti medici che praticano l’ozonoterapia hanno utilizzato questa risorsa terapeutica sui loro pazienti.
Quale sarà il futuro dell’ozonoterapia?
Immagino un futuro molto luminoso poiché stiamo raccogliendo molte informazioni su come l’ozono agisce precisamente sul corpo umano, e ci sono molti Paesi che già autorizzano e praticano con successo l’ozonoterapia.
Si tratta di una terapia adiuvante e complementare, con un ottimo potenziale in quanto può essere utilizzata nella cura di una vasta gamma di patologie.