martedì 26 ottobre 2021

 

a cura di Vanni Zagnoli

Il volume, che si avvale di una prefazione di Paolo Mancini, è dedicato a Silvano Rizza ed è pubblicato da Istimedia, il nuovo marchio delle edizioni del Centro di Documentazione Giornalistica. FONDAZIONE SUL GIORNALISMO ITALIANO “PAOLO MURIALDI”

Nell’ambito dell’attività editoriale della Fondazione Murialdi esce in questi giorni il volume di Vittorio Roidi, già presidente della Fondazione e componente del Consiglio di Amministrazione, “Nel segno della verità. Le vie del giornalismo tra odio, fake news e disintermediazione”. Il volume, che si avvale di una prefazione di Paolo Mancini, è dedicato a Silvano Rizza ed è pubblicato da Istimedia, il nuovo marchio delle edizioni del Centro di Documentazione Giornalistica.

Salvare il giornalismo, il momento è importante. La crisi impazza, le aziende editoriali sono in rosso, licenziano i redattori e tagliano i bilanci, mentre le edicole chiudono e la carta stampata sembra destinata a scomparire. Furoreggiano i social network ma i contenuti che scaricano in Rete sono ambigui, talvolta odiosi, sempre più spesso falsi. E’ tempo di cambiare strada perché quella che si sta percorrendo appare priva di sbocchi. Per fortuna c’è fame di informazione. Il cittadino cosa chiede? Prodotti buoni, se possibile garantiti dal venditore, né più né meno di ciò che il consumatore vuole quando va ad acquistare qualcosa al mercato. Quella che manca non è la domanda ma una risposta che soddisfi. Se il cittadino non la trova cambia negozio, si rivolge altrove. Il prodotto deve cambiare perché anche le notizie sono un bene commerciale. Informare la collettività con scrupolo, mettendosi al servizio del lettore, sempre, di fronte a qualsiasi avvenimento. Gli inglesi hanno votato sul referendum per la Brexit e gli americani hanno eletto Donald Trump presidente sulla base di informazioni false. Tocca ai giornalisti cercare la verità, sconfiggere le fake news, smascherare i bugiardi. Per svolgere un simile compito devono avere credibilità e questa si misura sia con il metro della libertà che mostrano nel loro lavoro sia con quello delle verità che essi riescono a scovare. Le moderne democrazie sono sorte sul pilastro di una stampa libera e pluralista, ora mostrano avere bisogno di un’informazione veritiera.

Sulla qualità dell’informazione occorre un’analisi in profondità, un dibattito aperto a giornalisti ed editori, ma anche agli studiosi e ai cittadini. La Fondazione Paolo Murialdi intende portare un primo contributo in attesa che il Parlamento prenda coscienza di un tema tanto delicato.