MarcoMarchi è patron di Liu Jo, nonché a capo di EccellenzeItaliane

 

 

Blumarine spinge sulla borsa. Marco Marchi è patron di Liu Jo, capo del from Eccellenze Italiane, holding che controlla Blumarine attraverso la società madre Blufin. Il suo obiettivo è portare la pelletteria a generare la metà del fatturato complessivo del marchio. Un obiettivo ambizioso, visto che attualmente i ricavi provenienti dalla pelletteria non sono significativi. Per raggiungerlo, il direttore creativo del marchio Nicola Brognano ha disegnato la prima collezione di pelletteria.

“Un’esigenza commerciale”

La pelletteria va a gonfie vele. Ed è un settore che fa gola non solo all’ultra-lusso o al premium, ma anche a marchi posizionati più in basso. È il caso di Blumarine, che considera l’espansione nella pelletteria un obiettivo chiave del 2023. Finora, il direttore creativo Brognano ha lanciato solo alcuni modelli di borse (in pelle). Ma dalla collezione pre-fall 2023, che arriverà nei negozi a giugno 2023, ha sviluppato una linea completa di borse (la maggior parte in pelle). Le ha disegnate con l’obiettivo di “tradurre il DNA del marchio in modelli funzionali che possono essere utilizzati tutto il giorno”, evitando micro e mini bag. A WWD Brognano ha parlato “dell’esigenza commerciale” alla base del progetto, specificando come questa sia “una prima, mini-collezione da sviluppare presto con altri stili”.

Blumarine spinge sulla borsa

“Storicamente e fino ad oggi, la categoria delle borse non ha mai avuto un peso tale (sulle vendite totali del marchio ndr) da essere considerata significativa. Questo progetto è come se fosse una startup”, dichiara Marco Marchi, fondatore e CEO del gruppo EIH Eccellenze Italiane. “Riteniamo che nel medio termine – prosegue Marchi – questa categoria di prodotti possa rappresentare fino al 50% del fatturato del marchio”. (mv)

Foto dai social