REGGIO EMILIA.

Il gratuito gesto ad opera di un 48enne nordafricano che ora dovrà rispondere di danneggiamento

a cura di Vanni Zagnoli

Sono intervenuti per sedare un diverbio tra due persone in Piazzale Marconi e mentre compilavano gli atti uno sconosciuto che transitava, estraneo all’intervento operato dai carabinieri, senza alcun apparente motivo lanciava all’indirizzo della gazzella una bottiglia di vetro che andava in frantumi sul tetto dell’auto dei carabinieri danneggiandone il tetto con alcune ammaccature. Subito fermato l’uomo, identificato in un cittadino nordafricano 48renne è stato condotto in caserma per la compilazione degli atti ravvisandosi a suo carico l’ipotesi di reato di danneggiamento.

L’origine dei fatti ieri sera intorno alle 21.30 quando un equipaggio del nucleo radiomobile della compagnia di Reggio Emilia, su indicazione dell’operatore del 112 si portava in Piazzale Marconi di Reggio Emilia poiché, poco prima sul numero di emergenza 112, un cittadino aveva segnalato una lite. Giunti sul posto i militari identificavano le parti che venivano portate alla calma motivo per cui ultimato l’intervento, i militari prendevano posto a bordo dell’autoradio di servizio prolungando per qualche istante la sosta al fine di annotare l’esito dell’intervento appena concluso.

Durante la breve sosta gli  operanti notavano uno sconosciuto, estraneo all’intervento in premessa, che, senza alcun motivo apparente scagliava una bottiglia in vetro all’indirizzo dell’autoradio, che andava in frantumi sul tetto del veicolo, danneggiandolo in quanto l’impatto provocava due vistose ammaccature. Accertato il danneggiamento dell’autovettura di servizio, i militari  provvedevano a fermare l’uomo conducendolo negli uffici per le incombenze di legge.