Incendi boschivi: Bollettino Verde fino alla mezzanotte di lunedì 7 giugno

0
montecopiolo_romagna
montecopiolo_romagna
venerdì, 28 maggio 2021

Incendi boschivi: Bollettino Verde

Le previsioni meteorologiche e la situazione al suolo mantengono basso il livello del rischio

Bologna – Una primavera caratterizzata da forte instabilità meteorologica, frequenti

immagine news AIB.PNGpiogge e giornate ventose, con temperature inferiori alle medie stagionali, sia in pianura che in quota: questo è ciò che è accaduto e, almeno fino alla fine di maggio, quanto si può prevedere, con ulteriori piogge e temporali sparsi e altre giornate segnate da una ventilazione intensa.

Le piogge già cadute e le temperature ancora fresche hanno mantenuto mediamente bassi gli indici di suscettività e di propagazione degli incendi di bosco, gli indicatori più rilevanti ai fini della previsione del rischio incendi. Le differenze territoriali sono evidenti, nelle prossime settimane le situazioni più critiche potranno manifestarsi nelle pianure del bolognese, del ferrarese e del ravennate.

Intanto, nella videoconferenza del 21 maggio – con rappresentanti dell’Agenzia per la sicurezza territoriale e la protezione civile, la direzione regionale dei Vigili del Fuoco, il Comando regionale Carabinieri forestale e Arpae Emilia-Romagna – si è valutato di confermare il Bollettino Verde, che corrisponde allo scenario di rischio basso e alla seguente formula: “le condizioni meteo-climatiche e l’umidità del combustibile vegetale sono tali da generare un incendio con intensità del fuoco molto bassa e propagazione molto lenta”.

Periodicamente, sul sito della nostra Agenzia viene pubblicato un Bollettino di informazione ai cittadini, secondo la logica del Codice Colore, indicata dal Dipartimento nazionale di Protezione civile. A partire dalle 00.00 di martedì 25 maggio e fino alla mezzanotte di lunedì 7 giugno 2021, per tutta l’Emilia-Romagna sarà valido il Bollettino 9/2021 (pdf740.01 KB), corrispondente allo scenario di rischio basso, fatte salve le ordinanze più restrittive e le specifiche limitazioni emanate dai singoli Comuni.

Oltre alle previsioni meteo a medio termine, a determinare lo scenario “Verde” sono lo stato della vegetazione e i riscontri sul numero di incendi. Nonostante le condizioni di contesto siano state favorevoli, nei primi 19 giorni di maggio si sono contati 63 incendi, un numero elevato, anche se quasi tutti gli episodi erano di modeste dimensioni (inferiori all’ettaro).

La situazione sarà nuovamente valutata il 3 giugno; in caso di necessità il tavolo tecnico sarà riconvocato anticipatamente.

Ai cittadini, si continua a chiedere di evitare gli abbruciamenti in presenza di vento, e di limitarli alle prime ore della giornata. L’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile ricorda che prima di procedere ad abbruciamenti è obbligatorio darne comunicazione ai Vigili del Fuoco.